Recensione X-Box One
Titolo del gioco:
Dead Rising 3 - Season Pass
Anno di uscita:
2013
Genere:
Survival Horror
Sviluppatore:
Capcom Vancouver
Produttore:
Microsoft Studios
Distributore:
Microsoft
Multiplayer:
Online a 2 giocatori
Localizzazione:
Completa (audio & video)
Sito web:
Requisiti minimi:
Console Xbox One, Periferica Kinect, una connessione a banda larga e un'abbonamento Gold a Xbox LIVE! per la sessione Multigiocatore, 40gb di spazio sull'hard disk
  • Ma guarda che bel modellino...lo voglio !!!
  • Poverino, ormai è perso mi sa....
  • Certo che in queste vesti facciamo la nostra bella figura
  • Ecco cosa succede a chi fa arrabbiare Adam Kane
  • Anche con le armi bianche ci difendiamo bene
  • Da una posizione strategica si colpisce meglio e in sicurezza
  • Un altro bel modellino tutto da guidare..
  • La signorina sfoggia i suoi tatoo
  • Bella, carina, ma guai a farla arrabbiare
  • Così impari a parlar male delle donne !
  • Decisamente non un tipo da invitare a cena in un ristorante di gala
  • Il nostro agente della ZDC sa il fatto suo
  • Meglio colpire da lontano...è più sicuro
  • Il livello dei dettagli è come sempre curatissimo
  • Ma che bella situazione...
Redattore:  Giuseppe 'Isg71' Iraci Sareri                        Pubblicato il:  19/04/2014
Se ancora non abbiamo fatto fuori abbastanza zombi, il Season Pass di Dead Rising 3 ci offre ben quattro nuovi capitoli di gioco con altrettanti nuovi personaggi. Mano alla motosega, si parte !!
Il season pass di Dead Rising 3 (clicca qui per la recensione), offre quattro nuovi capitoli di gioco ambientati in quel di Los Perdidos: ben quattro DLC con altrettanti personaggi e missioni e tantissime nuove armi a disposizione. Chi lo ha acquistato all'uscita del gioco si è accaparrato tutti i contenuti aggiuntivi man mano che uscivano sul mercato, dilazionati nel corso dei mesi fino a Marzo quando è uscito il quarto e ultimo capitolo. L'idea del Season Pass era quella di creare delle storie parallele alla quest principale, con la speranza di svelarci importanti retroscena di quanto abbiamo visto in Dead Rising 3. Come vedremo però non tutte le interessanti promesse sono state mantenute.

OPERATION BROKEN EAGLE

L' Operazione Aquila abbattuta è il primo contenuto aggiuntivo compreso nel Season Pass, naturalmente ambientato a Los Perdidos. Noi vestiamo i panni di Adam Kane, un comandante delle forze speciali appena giunto in città, la cui missione consiste nel difenderci da tutti gli zombi che incontriamo e, tanto per gradire, neutralizzare una cellula di ribelli posizionata lì per sovvertire quel po' di ordine costituito ancora presente. Anche se arriviamo con tutta la nostra squadra, ben presto rimaniamo da soli dal momento che un missile sparato da chissà chi colpisce il nostro elicottero da trasporto e ci fa perdere i contatti con tutti i nostri soldati.
Ci troviamo quindi a vagare per le vie pericolose della città con lo scopo di catturare la Presidentessa degli Stati Uniti a capo della cellula di ribelli e, in un secondo momento dovremo anche recuperare la scatola nera del nostro elicottero al fine di provare l'attentato alla nostra persona e, soprattutto di nascondere le tracce della nostra missione. Infatti ci troviamo lì in gran segreto e non possiamo permettere che altri sappiano del nostro raid.
Se giochiamo il DLC in modalità avventura, non avremo limiti di tempo e potremo quindi esplorare tranquillamente la città gustandone ogni minimo particolare. Inoltre tutte le abilità precedentemente conseguite da Nick Ramos nella storia principale verranno automaticamente trasferite al nostro Adam.
Incontreremo durante il gioco degli zombi mutati e le solite orde già viste nel gioco, senza contare il fatto che potremo andare alla ricerca degli altri soldati superstiti, aiutandoli se sopravvissuti o eliminandoli se già trasformati in zombi. In questo caso raccoglieremo le loro medagliette da consegnare poi alla famiglia per i giusti tributi di guerra.
Anche se iniziamo armati solamente di due coltelli, durante la missione potremo trovare altre armi (ce ne sono 5 di nuove), una nuova arma combo denominata simpaticamente "La Bestia" e un nuovo veicolo con torretta mitragliatrice, carino a vedersi ma, tutto sommato, niente di particolarmente innovativo.
Tutto il DLC richiede circa due ore di gioco per poter essere completato: un po' pochino per la verità, considerato che alla fine non porta niente di nuovo nelle mani del videogiocatore, se non dei miglioramenti nel framerate che poi rappresentava il tallone d'achille del gioco principale.


FALLEN ANGEL

In Fallen Angel, vestiamo i panni di Angel un'eroina dall'anima dannata, con precedenti per droga, alcol, violenza e chi più ne ha più ne metta. E' la preferita di Doug il capo dei rifugiati che la invia continuamente in missione per aiutare la "causa". Il nostro "angelo caduto" non ha una missione vera e propria, ci tocca quindi girovagare per la città alla ricerca di medicinali, cibo e mezzi di trasporto. Di tanto in tanto affronteremo i cattivoni della ZDC e zombi famelici desiderosi di far colazione con le nostre budella. Sono scarse anche le missioni secondarie limitate alla distruzione di megafoni e di poster propagandistici sparsi per la città. Un bug del gioco fa sì che i manifesti possano essere distrutti solo con molotov e frecce incendiarie e siano invece immuni contro cannoni pesanti e artiglieria varia.
Tutto il DLC dura un paio d'ore e aggiunge pochissima roba al gioco: avremo infatti un doppio uzi per crivellare meglio i nostri nemici, un fucile a impulsi e un mezzo di trasporto che nulla di più offre rispetto a quanto già visto.


CHAOS RISING

Nel terzo capitolo delle storie di Los Perdidos ritroviamo una nostra vecchia conoscenza: vestiamo i panni di Hunter Thibodeux che, chiunque ha giocato l'avventura principale, conosce molto bene dal momento che ci ha bersagliati di molotov in uno degli scontri più duri presenti nella quest di Dead Rising.
Iniziamo all'interno di una prigione, dove siamo finiti grazie al caro amicone Snake che ci ha venduti alle forze di polizia, mentre fuori naturalmente dilaga l'epidemia.
Il caro Hunter è già di suo matto come un cavallo e la rabbia per "l'ingiusta" detenzione lo fa diventare ancora più cattivo e pericoloso. Grazie al nuovo equipaggiamento che prevede un elmetto con gli spuntoni da usare come ariete, una volta evasi dalla prigione potremo buttarci letteralmente a testa bassa contro le orde di zombi famelici, massacrandoli a ripetizione. Lo scopo della nostra missione è naturalmente quello di ritrovare la nostra vecchia banda, eliminare il nuovo comandante e riprendere il nostro posto di capo che ingiustamente ci avevano usurpato.
Per riuscirci approfitteremo dell'aiuto di Torque, un meccanico in grado di confezionare un nuovo veicolo: La Trebbiatrice utile per affettare tutti gli zombi sul nostro camino e capace anche di colpirli a distanza con il lancio di seghe circolari.
Anche in questo caso importeremo automaticamente tutte le abilità acquisite da Nick nella storia principale. In questo terzo capitolo, gli sviluppatori hanno aggiunto un pizzico di trama, dal momento che sarà interessante scavere nel passato di Hunter fino a capire cosa l'ha reso così matto e inoltre ci saranno dei combattimenti con boss di fine livello. Tuttavia il DLC dura poco più di un'ora e mezza e, anche in questo caso, aggiunge poca varietà a quanto visto finora.


THE LAST ANGEL

In questa ultima ministoria ci troviamo ad impersonare Brad Park un agente della ZDC, la cui missione è quella di salvare quanti più supersiti possibili e aiutarli a fuggire dalla città. Come agente speciale avremo accesso ad alcune armi fra le più devastanti dell'intero gioco tipo la Railgun in grado di eliminare intere orde di zombi con un colpo solo, per non parlare di armi incendiarie e addirittura di un martello pneumatico manuale il cui utilizzo lascio a voi il piacere di scoprire. Purtroppo così come nella storia principale, la gestione dei superstiti è molto poco curata: questi infatti sono completamente anonimi, senza alcuna influenza sullo svolgimento del gioco ed è un peccato vedere che alla fine si salveranno volti noti della storia ben diversi da quelli che avevamo realmente salvato personalmente con tanto impegno. Una mancata caratterizzazione dei personaggi davvero poco gradevole. Il quarto e ultimo DLC della Capcom dura un paio d'ore e le missioni secondarie consistenti nel recupero dei microchip della ZDC sparsi per la mappa o nel bruciare intere pile di cadaveri, di certo non migliora il senso di noia e di deja-vu che ci accompagna per tutta la missione. Poco opportuna poi la scelta di applicare dei blocchi stradali, dal momento che spesso, per raggiungere posti vicini, ci toccherà girarci mezza città: probabilmente è il tentativo dei programmatori di allungare la longevità del prodotto, ma comunque è molto frustrante durante il gioco.

CONCLUSIONI

Il Season Pass di Dead Rising non rispetta assolutamente quanto aveva promesso in fase di lancio. Piuttosto buona la realizzazione tecnica con l'apparente risoluzione dei cali di framerate che tanto hanno riguardato il gioco principale, anche se la scelta dei blocchi stradali nel quarto episodio e la scarsa gestione dei sopravvissuti rappresenta un passo indietro.
L'idea piuttosto accattivante di quattro nuovi capitoli, di nuovi personaggi, di otto ore di gioco aggiuntive, di nuove trame tutte da giocare si è persa in fase di realizzazione: dal punto di vista strutturale infatti i quattro DLC offrono davvero poco di nuovo, prevalentemente dal punto di vista della trama che sembra quasi scritta in modo superficiale e approssimativo. Le nuove armi e i nuovi veicoli in realtà non sono poi così originali e curati come ci si aspettava. Sicuramente un'occasione persa dai ragazzi di Capcom che non sono riusciti a replicare quanto di buono avevano fatto con Case Zero e Case West.
Il Season Pass di Dead Rising 3 è un'idea brillante, purtroppo mal realizzata. Tanti contenuti aggiuntivi non sono purtroppo sinonimi di un buon prodotto. Se avete completato la quest principale troverete ben poca innovazione in queste nuove avventure. Tuttavia se siete dei fan sfegatati del genere e macellare zombi è il vostro passatempo preferito, forse potreste farci un pensierino, ma non aspettatevi niente di eccezionale.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE