Recensione X-Box One
Titolo del gioco:
F1 2016
Anno di uscita:
2016
Genere:
Simulazione guida
Sviluppatore:
Codemasters
Produttore:
Codemasters
Distributore:
Koch Media
Multiplayer:
Fino a 22 giocatori contemporanemente in pista
Localizzazione:
Completa (audio & video)
Sito web:
Requisiti minimi:
Console Xbox One + Abbonamento Xbox Live Gold per il gioco online + 30GB di spazio libero su Hard Disk
  • Siamo agli ultimi aggiustamenti. Da notare gli effetti di luci ed ombre bellissimi da vedere.
  • Quando piove l'auto che ci precede disturba e di molto la nostra visuale. Proprio come nella realtà.
  • Li vedete anche voi quei residui di gomma sull'asfalto vero ?
  • Ecco la safety car, gradito ritorno in f1 2016
  • Un bel primo piano della rossa con questo bell' effetto in controluce
  • I raggi del sole fanno capolino anche sulla telecamera montata ad altezza d'auto
  • Siamo appena partiti e ancora tutti vicini vicini...
  • Un bel primo piano alla Renault ci sta tutto, con conseguente sfocatura di quelli che stanno dietro.
  • Andare così vicini è molto pericoloso, basta un niente per provocare il finimondo.
  • Sul bagnato servono gomme e assetto adatto, e soprattutto tanta pratica.
Redattore:  Giuseppe 'Isg71' Iraci Sareri                        Pubblicato il:  19/09/2016
Dopo il successo di Dirt Rally, Codemasters ci riprova con il gioco sulla Formula 1 per definizione. E questa volta, e' proprio per tutti.
L'uscita delle nuove console ha creato non pochi problemi agli sviluppatori di giochi sportivi, costretti dalle esigenze di mercato a far uscire un nuovo prodotto all'anno. I vari PES, NBA, NHL e lo stesso Formula 1 chiedono di anno in anno nuove idee, aggiornamenti, adeguamenti tecnici e ai regolamenti che possano seguire appieno da un lato l'evoluzione delle piattaforme di gioco, dall'altro quella degli stessi sport. Non per niente infatti questo tipo di giochi si propone come simulativo, in grado cioè di avvicinarsi quanto più possibile alla controparte reale. Su PS4 e Xbox One qualche problemino c'è stato, sia perché i programmatori non sono riusciti a sfruttare bene le nuove tecnologie, ma anche perché sono spesso scesi a compromessi che hanno finito con il creare malcontento nei videogiocatori.

È il caso ad esempio di F1 2015 che ha lasciato l'amaro in bocca agli amanti del genere per tutta una serie di carenze strutturali purtroppo non compensate pienamente da un'ottima realizzazione tecnica e dalla presenza di tutte le licenze ufficiali.
Con F1 2016 Codemasters ha dimostrato di aver imparato la lezione, grazie anche alla disponibilità a seguire i tantissimi feedback degli utenti e alla volontà del team di una brusca inversione di rotta.

TORNA LA MODALITA' CARRIERA

Una volta installato il gioco, la lieta sorpresa è quella di ritrovare nel menù la modalità Carriera purtroppo grande assente in F1 2015. Si comincia naturalmente con la personalizzazione piuttosto accurata del proprio alter ego viruale, partendo dal nome e passando dalle iniziali, dal numero della vettura, dalla nazionalità, dal volto, dal modello del casco e così via. Il secondo step riguarda la scelta della scuderia per la quale iniziare a gareggiare. Ci sono tre fasce diverse suddivise in ordine di importanza: in prima fascia troviamo Mercedes, Ferrari, Williams e Red Bull, in seconda Force India, Toro Rosso, McLaren e Haas e in terza ci sono Renault, Sauber e Manor. Premesso che la scelta è completamente libera, quindi dipendente dai nostri gusti, va considerato che le scuderie di fascia più alta ci mettono in mano mezzi sicuramente più evoluti ma di contro pretendono risultati più immediati, mentre quelle di fascia più bassa sono molto più pazienti per quanto riguarda il nostro rendimento mettendoci però alla guida di mezzi meno efficienti.

Una volta scelta la scuderia, ci troveremo direttamente in Australia per l'inizio della nostra stagione. Faremo la conoscenza delle due figure con le quali interagiremo nella prosecuzione del gioco: la nostra Agente che si occuperà dei contratti di lavoro che man mano ci verranno offerti e ci guiderà nel nostro rapporto con i media, e l'Ingegnere capo che invece ci illustrerà le migliorie apportabili alla vettura aggiornandoci anche sui progressi dell'intera scuderia. Dal nostro PC portatile invece potremo apprendere tutti i dati della stagione in corso, gli obiettivi conseguiti in carriera e potremo anche visualizzare alcuni importanti tutorial messi a disposizione dagli sviluppatori, molto utili per i neofiti del gioco. Sempre dal notebook sarà possibile investire i punti risorse guadagnati nei vari weekend di gara, completando ad esempio i vari obiettivi stabiliti dal programma oppure semplicemente eseguendo buone prestazioni. Sotto questo punto di vista l'aspetto simulativo del gioco è piuttosto curato dal momento che, come noi, evolveranno anche i nostri avversari e questo avverrà per tutte le dieci stagioni previste nella modalità carriera.

Va detto fin da subito che l'obiettivo di Codemasters è quello di accontentare tutti: dai novizi che si avvicinano al genere per la prima volta che, intervenendo su tutti i parametri di gioco, possono subito scendere in pista approfittando dei tanti automatismi messi a disposizione, agli appassionati del genere che di contro preferiscono intervenire su ogni singolo parametro di gioco e avere tutto sotto controllo. Per questi ultimi è prevista la Carriera Pro davvero difficile, ma allo stesso tempo più vicina al realismo.

ALTRE MODALITA'

Oltre alla Carriera, dal menu potremo scegliere se disputare un solo weekend di gara oppure l'intera stagione 2016, optando in questo caso per uno dei piloti ufficiali. Sarà anche possibile provare qualsiasi circuito semplicemente per fare delle gare alla ricerca del miglior tempo.

Il comparto Multigiocatore permette in F1 2016 di partecipare a spettacolari gare fino a 22 partecipanti: un notevole passo in avanti rispetto alle versioni precedenti. Nei test fatti in redazione abbiamo riscontrato un buon comportamento dei server messi in piedi da Codemasters, anche se bisogna considerare che il gioco è uscito da poco tempo per poter elaborare stime attendibili. Bisognerà vedere cosa succederà quando aumenterà il numero di utenti in gara.

Un altro gradito ritorno riguarda la Safety Car grande esclusa dalla versione dell'anno scorso e in grado di accentuare la percentuale simulativa del gioco nel confronto con le gare reali. La Virtual Safety Car invece chiede ai piloti di rispettare un limite di velocità evitando di incolonnarsi dietro alla macchina virtuale. Molta enfasi viene data al giro di ricognizione utile per scaldare le gomme e provare il circuito: durante questa sessione di gioco potremo anche raggiungere degli obiettivi stabiliti dal nostro team che poi genereranno informazioni utili per migliorare l'assetto della vettura. L'aspetto negativo è che durante il giro di ricognizione non è possibile danneggiare l'auto e questo si discosta un pochino dalle gare reali dove invece questo è possibile.

Un'altra novità di F1 2016 riguarda la partenza manuale dove, se avremo abilitato l'apposita opzione, ci verrà chiesto di ben dosare i giri del motore scegliendo il giusto momento per il rilascio della frizione al fine di evitare partenze anticipate, oppure di mandare in stallo la macchina o di perdere posizioni già sulla griglia di partenza. Anche se è richiesta una certa esperienza per poter gestire la partenza manuale, va detto che il gioco guida bene l'evoluzione dei neofiti a patto di osservare i tutorial e soprattutto di fare tanta pratica.


IL MIGLIOR GIOCO SULLA FORMULA 1 PRESENTE SUL MERCATO

Oltre alla partenza manuale, tale opzione è anche disponibile per l'ingresso ai box. Una manovra sicuramente non semplice ma in grado di dare parecchie soddisfazioni ai veterani delle simulazioni di guida.

Una descrizione particolare merita la gestione dei danni alla vettura. In questa edizione c'è stato un netto miglioramento nei confronti della versione precedente. Ora l'alettone anteriore si danneggia con la giusta facilità con conseguenti ripercussioni sulla manovrabilità della macchina, mentre l'alettone posteriore e le sospensioni non rispecchiano gli stessi criteri di realismo dal momento che rimangono integri e funzionali anche se ci tamponano pesantemente. La percezione di danno quindi c'è, anche se non è possibile "rovinare" la nostra monoposto più di tanto. La macchina invece risponde bene ai criteri della fisica ed è un vero spettacolo riuscire a prendere una curva sfiorando ma non toccando il cordolo, segno di un miglioramento accentuato del sistema di guida. Qualche piccolo difettuccio ovviamente c'è, soprattutto quando ci è capitato di veder l'auto andare in testacoda contro ogni spiegazione possibile, ma parliamo di piccole cose che potranno sicuramente essere corrette con qualche futura patch.

Naturalmente F1 2016, come ogni titolo di questo genere che si rispetti, predilige l'uso di volante e pedaliera per dare il massimo ma va detto che il controller è ben implementato e si riesce con un po' di pratica a controllare bene la propria monoposto. Dal punto di vista grafico il gioco è uno spettacolo per gli occhi con una cura maniacale dei dettagli e con l'uso del motore grafico Eco Engine 3 in grado di offrire ottime animazioni senza particolari cali di framerate. Particolarmente apprezzabili sono le gare sotto la pioggia oppure quelle in notturna o dentro un centro abitato. Un appunto va fatto ai video di intermezzo, dove i personaggi sono meno dettagliati e dove onestamente si sarebbe potuto fare qualcosina di più. Il regolamento è ben integrato: ammonizioni e sanzioni sono dietro l'angolo se proveremo a fare i furbi.

Per quanto riguarda le licenze, F1 2016 è perfettamente aggiornato sotto ogni aspetto e ci mette a disposizione ben 11 diverse scuderie e 22 piloti, tutti fedeli alle controparti reali. I circuiti invece adesso sono 21 con la new entry del nuovo Gran Premio d'Europa che si è tenuto a Baku. Buona anche l'intelligenza artificiale degli altri piloti, tutti parecchio agguerriti in proporzione al loro carisma e alle loro vetture mentre il comparto audio si avvale di effetti sonori ben realizzati (come il rombo del motore davvero vicinissimo alla perfezione) e della cronaca di Carlo Vanzini e Luca Filippi: una coppia collaudata, piacevole da ascoltare e, soprattutto coerente nei commenti con quello che avviene durante le corse.

PER MOLTI E ANCHE PER TUTTI

Visto il gran numero di parametri modificabili che permettono di oscillare da un gioco più simulativo ad uno più arcade, l'ultima fatica di Codemasters è davvero adatta a tutti. Chi si avvicina al mondo delle corse per la prima volta troverà parecchie soddisfazioni nella gestione della propria auto, come già visto nell'ottimo Dirt Rally. Sicuramente il gioco rappresenta un'evoluzione rispetto all'episodio dell'anno scorso, grazie alla reintroduzione di una modalità come la carriera in grado di garantire la maggior parte del divertimento.

Va da se che comunque il titolo Codemasters va consigliato agli appassionati di corse e di motori; chi infatti odia il genere difficilmente potrà divertirsi con un gioco simile, ma questo riguarda ogni titolo sportivo e non solo l'automobilismo. Gli amanti della simulazione troveranno pane per i loro denti dal momento che è possibile gestire tutto manualmente con un'impennata del livello di difficoltà proporzionato all'aumento del realismo. Parecchie soddisfazioni arrivano anche dal comparto multigiocatore dove potremo cimentarci a sfidare i giocatori di tutto il mondo in gare fino a 22 partecipanti reali. Se i server terranno la stabilità presente al momento, sarà davvero un bello spettacolo tutto da giocare.

La longevità è ovviamente molto alta, tra tentativi di battere i record, la crescita del proprio personaggio e della vettura, le 10 stagioni della modalità carriera e, naturalmente il comparto multigiocatore.

In conclusione F1 2016 è un ottimo gioco in grado di soddisfare le esigenze di tutti e di offrire tantissimo divertimento.

Modus Operandi: Abbiamo potuto scendere in pista provando l'ebrezza della velocità, del weekend di gara e il ritorno della modalità carriera grazie ad una copia fornitaci da Koch Media Italia.


F1 2016 riesce nel difficile intento di migliorare l'aspetto simulativo senza tagliar fuori i giocatori che si avvicinano al mondo delle corse virtuali per la prima volta. Con una quantità incredibile di opzioni modificabili riesce a proporsi proprio a tutti. Molto buono il comparto tecnico con una cura maniacale dei dettagli e con la possibilità graduale di sviluppo della propria vettura che solo la modalità carriera poteva offrire.

Al momento il nuovo titolo dei ragazzi di Codemasters è la migliore esperienza sulla Formula 1 presente sul mercato. Se amate il mondo dei motori non pensateci su e correte ad acquistarne una copia.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE