Recensione X-Box One
Titolo del gioco:
Mortal Kombat X
Anno di uscita:
2015
Genere:
Picchiaduro
Sviluppatore:
NetherRealm Studios
Produttore:
Warner Bros Interactive Entertainment
Distributore:
Warner Bros Interactive Entertainment
Multiplayer:
Locale e Online
Localizzazione:
Completa (audio & video)
Sito web:
Requisiti minimi:
Console Xbox One + Xbox Live Gold per il gioco online + 44GB circa di spazio sull'hard disk
  • Mamma mia che brutta fine !
  • Il mitico Scorpion si è messo in posa solo per noi...
  • Occhio a Dvorah: la donna insetto ha artigli ovunque
  • Il mitico Johnny Cage...impareremo a utilizzarlo grazie alla storia principale
  • Una delle fatality di Total Kahn...spettacolare.
  • Rayden sembra un po' malconcio ma la sua corrente elettrica fa ancora male
  • Questo primo piano di Sub-Zero dimostra il gran lavoro artistico dei disegnatori.
  • La lotta sembra impari, ma il nostro Scorpion ha tanti assi nella manica
  • Kano: si è evoluto tantissimo rispetto al personaggio del primo capitolo (ora è più robotico che umano! Nd New_Neo)
  • Contro questo tizio bisogna prestare mooolta attenzione...
  • Affrontare Sub-Zero nel suo ambiente è da pazzi...ma Scorpion non è uno che prova paura...
  • Bellissima immagine per i due personaggi (forse) più rappresentativi di Mortal Kombat
  • Micidiale l'artiglio di Scorpion, ma progredendo nel gioco impareremo anche a difenderci da questo.
  • Goro...peccato non sia giocabile senza acquistare altri contenuti aggiuntivi
  • Tanti lottatori, ognuno con tre stili diversi...ce davvero tanto per divertirsi.
Redattore:  Giuseppe 'Isg71' Iraci Sareri                        Pubblicato il:  22/04/2015
Finalmente Mortal Kombat approda sulle nuove console. Vai con le legnate in alta definizione...
Sono passati ben 13 anni da quando Mortal Kombat è apparso sul mercato per la prima volta: da allora tantissimi nuovi sequel hanno seguito il progresso tecnologico fino a giungere al decimo episodio che, girando su PS4 e Xbox One promette scintille dal punto di vista grafico e di gameplay. In questo nuovo capitolo della serie i ragazzi di NetherRealm Studios hanno provato a bissare il successo del nono episodio al quale Mortal Kombat X si collega nella trama. Il gioco infatti si sviluppa nei 25 anni successivi alla conclusione del capitolo precedente con la guerra civile tra Kotal Kahn e Mileena per il trono del Regno Esterno e passando per la minaccia per la Terra ad opera di Quan Chi e del suo esercito di non morti, per non dimenticare il solito "cattivo" Shinnok che non si è rassegnato alla precedente sconfitta.

Ringraziando Laboratorio Comunicazione per la copia che ci ha gentilmente inviato, iniziamo l'analisi di Mortal Kombat X.

MAMMA MIA QUANTA ROBA

Fin dall'inizio, una volta scaricato il gioco e tirata giù la patch corposa di 2,5GB (iniziamo bene! Nd New_Neo) il menù di gioco appare parecchio ricco. Vanno subito segnalati un paio di fastidiosissimi crash che però abbiamo riscontrato solo durante la prima esecuzione del gioco e che, sicuramente sono stati poi corretti dalla ulteriore patch di altri 2,5GB uscita nei giorni successivi al day-one.

Si può subito scegliere se optare per 1 giocatore oppure 2 giocatori: questa opzione dedita esclusivamente al gioco in Co-op locale ci permette di confrontarci con un amico in modalità offline. L'opzione a 1 giocatore prevede la Storia che poi è la campagna in single player, ma anche tantissime altre opzioni come le Torri, lo Scontro Singolo, la Prova della Fortuna e l'importantissimo Allenamento che ci permette di prendere confidenza con le mosse speciali, le combo e soprattutto le Fatality grazie ad un tutorial che ci segue passo passo. Ad esempio nelle Fatality potremo disabilitare il timeout che è quel lasso di tempo durante il quale la mossa va eseguita, in modo da apprendere bene la combinazione di tasti per metterle in atto.
Dal menù principale si può accedere alla Guerra fra Fazioni che è la new-entry nella saga di Mortal Kombat: dedicata esclusivamente al gioco online ci permette di aderire ad una delle diverse fazioni disponibili e di affrontare diversi scontri online contro le fazioni rivali per la conquista del mondo.
Una menzione speciale merita sicuramente la Kripta estesa e migliorata rispetto al capitolo precedente del gioco: spendendo le monete guadagnate durante gli incontri, potremo girovagare per questa enorme location e aprire alcune tombe, ricevendo in cambio dei premi come bozzetti, elementi sbloccabili di ogni tipo e soprattutto potremo apprendere le utilissime Fatality Semplificate che rendono accessibile a tutti ciò che in realtà è parecchio complesso da eseguire. Ma nella Kripta c'è molto di più: alcuni oggetti segreti infatti appaiono in base al tempo trascorso nella Kripta con il risultato di convincerci a visitarla più e più volte nel tentativo di sbloccare contenuti che prima non erano disponibili.
Nel menù Extra potremo vedere invece il Replay dell'incontro, ma anche navigare nella nostra Kollezione (dove troviamo le musiche e gli elementi già sbloccati), nella nostra Karriera con una valanga di dati statistici e soprattutto nella nostra Kombat Kard. Questa tiene nota di tutto il percorso di gioco ed è il biglietto da visita da esibire nell'attività online.

LE TORRI

Un discorso a parte meritano sicuramente le Torri. Vi si accede dal menù principale e si distinguono in Torri Viventi (che cambiano nel tempo e sfruttano la connessione ad internet), Torri Tradizionali e Sfide delle Torri dove sfideremo gli amici a battere il nostro punteggio in torri generate a caso.
Le Torri Tradizionali ci permettono di provare la modalità Klassica dove tenteremo la scalata affrontando 10 avversari al livello di difficoltà che preferiamo; Prova la tua Fortuna ci permetterà di affrontare avversari con modificatori casuali ad ogni combattimento; Senza Fine invece metterà alla prova la nostra bravura nel battere quanti più avversari possibili e per finire la modalità Sopravvissuto dove la nostra barra di salute si trasmette da un combattimento all'altro.

Questa volta però gli sviluppatori non hanno incluso la Challenge Tower che con le sue sfide a difficoltà crescente faceva bella figura nel nono capitolo di Mortal Kombat: un'assenza tutto sommato ingiustificata anche se interesserà più i fan sfegatati della serie che i neofiti del genere.
Una volta conclusa la serie di incontri della torre tradizionale, potremo goderci i titoli di coda seguiti dall'elenco di tutte le cose piuttosto carine che siamo riusciti a sbloccare.


TANTISSIMI LOTTATORI

Al momento del lancio nel gioco sono presenti 24 lottatori più Goro disponibile però per chi ha usufruito del pre-order nell'acquisto del gioco. Questa scelta è abbastanza discutibile perchè oltre al già citato Goro, anche nella campagna si evidenziano diversi lottatori non utilizzabili e che, presumibilmente si sbloccheranno con l'uscita di futuri DLC. Questa manovra di puro marketing, tutt'altro che condivisibile costringerà i giocatori a esborsi futuri per godersi appieno tutti i lottatori disponibili, dal momento che questi non si possono sbloccare in nessun modo se non mettendo mano al portafogli.

I lottatori sono tanti, dai vecchi come Johnny Cage, Sonia Blade, Scorpion, Sub-Zero tanto per citarne alcuni ad altri che abbiamo imparato a conoscere nei precedenti capitoli della saga, a volti nuovi come Erron Black, D'Vorah e altri che lascio a voi il piacere di scoprire.
Ogni lottatore può adottare tre stili differenti, ad esempio nel caso di Johnny Cage il Rissoso adotta l'urto di pugno, le combo vistose e gli attacchi normali, il Vip è in grado di caricare gli attacchi normali e speciali infliggendo danni maggiori all'avversario e il Sosia Stuntman permette di guadagnare l'abilità di creare dei sosia stuntman da utilizzare nel combattimento. Le tre modalità differenti non sono fini a se stesse, ma comprendono l'uso di diverse mosse speciali, di combo e anche di Fatality e Brutality da sbloccare man mano nel corso dell'avventura.
Ne esce fuori una caratterizzazione di tutto rispetto, in grado di fornire una varietà di gioco mai vista finora. I lottatori infatti sono diversi nella storia, nel combattimento e praticamente in tutto con il risultato di innalzare il livello di longevità del prodotto.
Rispetto al nono episodio della serie sono stati apportati dei ritocchi importanti anche ai combattimenti. Adesso i giocatori possono correre, indietreggiare e sferrare attacchi a distanza, tenendo però d'occhio la barra della resistenza che si esaurisce piuttosto in fretta e li rende piuttosto vulnerabili una volta che si approssima allo zero. In basso poi il solito indicatore a tre tacche che, una volta riempito utilizzando attacchi speciali e combo permette di sferrare un colpo X-Ray che frantuma le ossa all'avversario riducendogli il livello di salute di un buon 30%.
CRONOLOGIA DELLA SAGA

- Mortal Kombat: uscito nel 1992 per Amiga, MS-DOS, Arcade, Sega Mega Drive 32X, Sega Master System, Game Gear, Super Nintendo, Mega CD, Game Boy con modalità a 1-2 giocatori;
- Mortal Kombat II: uscito nel 1993 per Arcade, Super Nintendo, Game Boy, Sega Saturn, Sega 32X, Mega Drive/Genesis, Sega Game Gear, Sega Master System, PlayStation, MS-DOS, Amiga con modalità a 1-2 giocatori;
- Mortal Kombat III: uscito nel 1995 per Arcade, Super Nintendo, Mega Drive/Genesis, Game Boy, Sega Game Gear, Sega Master System, PlayStation, MS-DOS.
In seguito fu riproposto con il nome di Ultimate Mortal Kombat e pubblicato per Sega Saturn, Super Nintendo e Mega Drive/Genesis.
- Mortal Kombat IV: pubblicato nel 1997 per Arcade, Game Boy Color, Microsoft Windows, PlayStation, Nintendo 64. E' il primo ad adottare il 3D e l'ultimo ad essere pubblicato per Arcade;
- Mortal Kombat: Deadly Alliance pubblicato nel 2002 esclusivamente per console e cioè PlayStation 2, Nintendo GameCube, Xbox, Game Boy Advance. Per la prima volta è stata introdotta la Kripta e il multiplayer;
- Mortal Kombat: Deception uscito nel 2004 per PlayStation 2, PlayStation Portable, Xbox, GameCube;
- Mortal Kombat: Armageddon uscito nel 2006 per PlayStation 2, Xbox, Wii;
- Mortal Kombat vs DC Universe edito nel 2008 per Xbox 360, PlayStation 3. Il mondo di Mortal Kombat si incontra con quello di DC Comics;
- Mortal Kombat IX pubblicato nel 2011 per Xbox 360, PlayStation 3, PlayStation Vita, Microsoft Windows;
- Mortal Kombat X uscito nel 2015 per Xbox-One e PlayStation 4 ad opera dei NetherRealm Studios, mentre le altre versioni (PC,PS3 e X360) sono state curate da High Voltage Studio ed arriveranno nel corso dell'estate.

Inoltre hanno visto la luce nel corso degli anni diversi remake come Ultimate Mortal Kombat 3, Mortal Kombat Advance, Mortal Kombat Trilogy, Mortal Kombat Gold, Mortal Kombat: Tournament Edition, Mortal Kombat: Unchained e tre giochi d'avventura ispirati alla serie come Mortal Kombat: Shaolin Monks, Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero e Mortal Kombat: Special Forces

Le Brutality permettono una volta apprese, di porre immediatamente fine all'incontro massacrando l'avversario in modo piuttosto spettacolare, così come avviene per le famose Fatality. Ogni lottatore dispone naturalmente di attacchi finali diversi dagli altri combattenti e, proseguendo nell'avventura sarà possibile sbloccarne di ulteriori sempre spettacolari da vedere e, a volte condite da quel pizzico di ironia e di citazioni che non guastano mai.
Nota speciale va riservata all'interazione con i fondali. Premendo il tasto RB del controller mentre ci troviamo in determinati punti dello scenario, saremo in grado di interagire con lo stesso, compiendo dei salti enormi oppure utilizzando ciò che è a portata di mano per colpire il nostro avversario. A parte il fatto che il nostro antagonista potrà fare altrettanto con noi, queste azioni comportano un consumo della barra di resistenza e quindi conviene scegliere bene i momenti giusti per sferrare attacchi di questo tipo.

L'IMMENSO COMPARTO ONLINE

La componente Online di Mortal Kombat X è davvero ricca. Dal menù si può accedere alle Stanze, alla modalità Versus dove potremo decidere di affrontare un avversario online secondo il Match Classificato che tiene conto delle nostre vittorie/sconfitte per la classifica online oppure potremo optare per un'Amichevole. Le altre opzioni del menù prevedono Battaglia a Squadre, Re della Collina che prevede diversi match consecutivi contro un gruppo di avversari, Battaglia della Torre dove lotteremo per conquistare il punteggio più alto in una torre casuale. Inoltre potremo accedere alle Classifiche che, colme di statistiche, prevedono un piazzamento per ogni tipo di sfida online, alla Karriera Kombat Online e soprattutto alla pagina della Guerra fra Fazioni.
Quest'ultima è una modalità piuttosto innovativa per la saga. Il giocatore può aderire a uno dei cinque gruppi disponibili con l'obiettivo di accrescerne la fama attraverso una serie di risultati sia offline che online. I gruppi sono Black Dragon, Lin Kuei, The Brotherhood of Shadow, White Lotus e Special Forces.
Ogni settimana, verrà iniziata una nuova Guerra fra le fazioni e ogni componente di un gruppo avrà una serie di obiettivi da perseguire per far accrescere il punteggio della propria squadra, quindi saranno previsti combattimenti 1 vs 1 online oppure eseguire una serie di combo o brutality o fatality consecutivi e così via.
Alla fine della settimana, verrà deciso il gruppo vincitore e, il giocatore che vi ha aderito riceverà poi una serie di ricompense (a volte anche esclusive).
Durante i nostri test, specialmente nei combattimenti 1 vs 1, abbiamo riscontrato qualche piccolo problema di lag, segno che rispetto all'episodio precedente della serie (afflitto proprio da questo problema) il netcode non è stato ancora ben ottimizzato. Speriamo in qualche intervento correttivo da parte degli sviluppatori, che hanno anche promesso un sistema di penalizzazione per chi abbandona scorrettamente la partita nel momento in cui si trova in difficoltà.
Ad ogni modo durante le nostre prove, abbiamo trovato subito degli avversari da sfidare online, senza le lunghe attese alle quali ci avevano abituato altri prodotti in commercio ma in ogni caso visto il gran numero di appassionato di Mortal Kombat, la mancanza di avversari online dovrebbe essere proprio l'ultimo dei problemi.

BELLO DA VEDERE E DA GIOCARE

Il comparto tecnico di Mortal Kombat X è davvero di alto livello, con personaggi disegnati bene e animati anche meglio. Il gioco infatti ha girato sulla nostra Xbox One a 60fps costanti a 1080p (la risoluzione dovrebbe essere di 1340x1080 upscalata a 1080p, rispetto a quella PS4 che è nativa. Nd New_Neo) e questo è un bene per gli occhi e per il gameplay. Buone le animazioni, ancora non perfette ma comunque molto più fluide rispetto a Mortal Kombat IX. I comandi sono distribuiti bene e buona parte di combo e attacchi speciali sono facilmente assimilabili anche da chi non è molto vicino al genere di prodotto. Anche le Fatality tutto sommato non sono poi così proibitive ma è comunque vero che il gioco richiede tanto allenamento. Infatti grazie alle migliorie aggiunte i programmatori sono riusciti a proporci dei combattimenti in cui la carica a testa bassa raramente porta dei risultati, con il risultato che conviene ragionare bene sulla strategia da seguire anche in virtù dell'avversario che si ha di fronte. L'interazione con gli scenari aggiunge quel pizzico di divertimento in più che mancava nelle edizioni precedenti del gioco. I fondali sono molto belli e, anche se pochi, si fanno ammirare in tutto il loro splendore: conoscerne i dettagli poi può fare la differenza in un incontro. Buona anche l'idea della barra della resistenza che, se da un lato rende il combattimento un po' più complesso, dall'altro costringe il giocatore a studiare una strategia piuttosto che a limitarsi a premere pulsanti a caso. E poi c'è la varietà: tanti combattenti con caratteristiche, mosse, combo diversi da moltiplicare poi per tre considerati i tre stili che ogni lottatore può decidere di adottare.
Molto buona la caratterizzazione dei personaggi, con delle storie da leggere, costumi da sbloccare e tanto tanto altro che vi lascio il piacere di scoprire. Buona anche la componente audio con un doppiaggio che, anche se non fa gridare al miracolo, fa bene il suo dovere.
La quest principale è forse un po' troppo breve ma è comunque un valore aggiunto a tutto il pacchetto dal momento che propone una bella storia con degli ottimi filmati e soprattutto con un livello di difficoltà non troppo aggressivo, tanto da permettere a chiunque di entrare in confidenza con il gioco.
Tanti menù, tantissime cose da sbloccare e tanti trofei da conquistare, per non considerare tutto il comparto online in grado di offrire tantissimo divertimento a chiunque. Peccato per il lag riscontrato in alcune sessioni di gioco online e per la scelta discutibile dei produttori di sbloccare alcuni lottatori solo tramite l'acquisto di un DLC.
Per il resto i combattimenti sono uno spettacolo, con la sensazione di aver fatto davvero male all'avversario ogni volta che si colpisce, con l'abbondanza di modi disponibili per far fuori il nostro antagonista, dagli x-ray alle brutality e alle fatality stesse. Da questo punto di vista il giocatore è invogliato ad andare avanti nell'avventura per constatare fino a che punto può spingersi la violenza del proprio lottatore (il gioco è un PEGI 18, va ricordato).

In conclusione Mortal Kombat X è un gioco in grado di offrire tantissime ore di divertimento, sia offline che soprattutto online: con tantissime cose da fare e da scoprire, vi terrà impegnati davvero a lungo.

Mortal Kombat X è un ottimo gioco: in grado di presentarci un comparto tecnico di tutto rispetto, una grafica finalmente next-gen e un sonoro più che dignitoso, trova il suo punto di forza nel gameplay e nel comparto online, parecchio vasto e con diverse innovazioni rispetto all'episodio precedente.
E' vero che non è esente da difetti e che gli appassionati della saga potranno un po' storcere il naso per delle scelte un po' discutibili dei produttori (la mancanza della Challenge Tower e la necessità di dover spendere altri soldi se si vorrà sbloccare tutti i lottatori), ma alla fine rimane un gioco di altissima qualità in grado di divertirvi per moltissimo tempo.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE