Recensione X-Box One
Titolo del gioco:
Project CARS
Anno di uscita:
2015
Genere:
Racing - Simulazione
Sviluppatore:
Slightly Mad Studios
Produttore:
Bandai Namco Entertainment Europe
Distributore:
Bandai Namco Entertainment Europe
Multiplayer:
Si
Localizzazione:
Solo testo, no audio
Sito web:
Requisiti minimi:
Console Xbox One - Abbonamento Xbox Live Gold - 18 GB di spazio disponibile su Hard Disk
  • Ops!
  • Segui la scia
  • Tre regine
  • Misto stretto
  • Circuiti
  • Seminati!
  • Vedute dall'abitacolo
  • Sinchè la macchina và
  • Visuali
  • C'e' un gommista?
  • Scorci
  • Misto gara
Redattore:  Corrado 'Sakurambo' Micheli                        Pubblicato il:  01/06/2015
Per tutti gli appassionati di quattro ruote si affaccia sul mercato Community Assisted Racing Simulator: accendiamo i motori.
Siamo finalmente pronti al classico giro di chiave per mettere in moto un prodotto che per diverso tempo ha saputo far parlare di sè con anticipazioni, foto e diversi video.
Appena installato il gioco sulle nostre console ci renderemo conto che i programmatori di Slightly Mad Sudios hanno portato sui nostri schermi una simulazione per gli amanti della corsa. Navigare nel menù iniziale si rivela fin da subito semplice ed immediato e l'accesso alla pista mostra subito i muscoli di una produzione orientata verso il successo.

Grazie a un codice Xbox LIVE che Bandai Namco Entertainmnent Europe ci ha gentilmente fornito, scendiamo insieme sulla griglia di partenza e scaldiamo i motori!

TUTTO E SUBITO

Malgrado una mole di contenuti notevole, di cui avremo modo di parlare più avanti, Project CARS propone un menù minimalista ma allo stesso tempo completo, permettendo fin da subito al giocatore di godere appieno della globalità dell'esperienza.
Le scelte da effettuarsi saranno abbastanza semplici ed immediate: potremo infatti decidere di partecipare immediatamente al Campionato creando il nostro alter ego virtuale e buttandoci su una carriera che ci consentirà di guidare veicoli di classe elevata (inclusi i prototipi) o potremo optare per la nostra ascesa al successo iniziando dal mondo dei cart.

La nostra carriera sarà pertanto scandita dall'ascesa di ben 8 campionati!

In alternativa e fin da subito potremo decidere di svolgere una gara singola o girare liberamente all'interno di uno dei circuiti oppure si potrà valutare direttamente una competizione Online creando un evento o partecipando in maniera random alle gare disponibili!
Quello che colpisce, in un'ottica di giochi di guida disponibili su console, è stata la scelta della software house di rendere disponibile da subito l'intero parco auto e la totalità dei circuiti , senza necessariamente doverseli guadagnare in un'ottica di ascesa personale che altri titoli della categoria da sempre propongono.
Non ne vogliano i lettori se da un certo punto di vista è una comparativa, anche se indiretta, col re indiscusso delle simulazioni di guida per console Microsoft: Forza Motorsport 5 di cui trovate qui la relativa recensione.

Saranno quindi disponibili un totale di circa 70 autoveicoli e 32 circuiti ricostruiti tramite tecnologia laser scan, divisi in apposite sezioni competitive portando i tracciati su cui gareggiare ben oltre le 70 unità.


GRAFICA, CONTENUTI E GAMPELAY

Project CARS colpisce, un po' perchè diverso rispetto ad altri giochi sullo stesso genere genere, stupisce per una mole di settaggi di natura tecnica veramente elevata ed appassiona per tutta una serie di fattori che contribuiscono al suo successo.

Da un lato infatti tutto è disponibile da subito ma questo non pregiudica la longevità che il prodotto è in grado di offrire indipendentemente dal livello di passione automobilistica del singolo giocatore. Potremo infatti, nell'ambito della carriera, decidere di iniziare come uno sconosciuto e quindi ascendere ai mezzi ed alle competizioni più ambite oppure dirigerci direttamente nella categoria regina dell'automobilismo per la difesa del titolo.

Il parco auto come detto ha un ventaglio di scelta particolarmente notevole, anche se non sono comunque presenti le licenze di veicoli di categoria media presenti nella comunità europea, quindi purtroppo potremo dimenticarci di marchi come Ferrari, Audi, Porsche e così via.

D'altro canto ai fini della giocabilità e della completezza molti dei parametri che sino ad oggi non eravamo abituati ad usare saranno qui disponibili ed influenti, come ad esempio la scelta del meteo, con la possibilità di variare dal sereno al temporale passando per eventi atmosferici quali la nebbia e decidendo il ciclo diurno-notturno settabile da timing reale.
PAROLA D'ORDINE: OBIETTIVI

Project CARS, non contento di porsi come simulazione automobilistica ed offrire un ampio parco di mezzi e veicoli sin da subito, pone sul piatto della bilancia tutta una serie di conenuti il cui scopo è quello di garantirne la longevità.

La nostra carriera verrà costellata di titoli in base ai nostri risultati, quali ad esempio Dalle Stalle Alle Stelle percorrendo la carriera dall'ottava categoria e vincendo, sino alla prima.

Sono inoltre presenti una pletora di titoli in Oro, Argento e Bronzo e corrispettivi ai nostri risultati sia offline che online.

Come se ciò non bastasse, per i puristi del dettaglio, vari parametri quali la campanatura, settaggi motore, allungo, mappatura e rapporti saranno tranquillamente editabili dal giocatore su ogni singolo evento.
La sezione Setup del mezzo così come la sensibilità ed i comandi del Pad richiederanno da parte dei più una continua ricerca alla perfezione di guida giacchè alcuni settaggi contrastano con altri, al fine di evitare una gestione del mezzo ed uno stile di guida che ci penalizzeranno in gara.
A titolo esemplificativo la guida col Kart richiederà un settaggio intermedio del pad, mentre la guida con un prototipo richiederà una più attenta valutazione dei parametri del controller. D'altro canto, a livello tecnico, un corretto settaggio della campanatura e della rapportatura motore ci consentirà di direzionare il nostro mezzo e la nostra guida al drifting più sfrenato.
Per rendere infine più immersiva e simulativa la guida potremo gestire dal Pad persino l'accensione del tergicristallo e l'uso dei fari, utili in caso di pioggia o di guida nottura.

Alcuni fattori di Project CARS non hanno però saputo convincerci totalmente sulla bontà di un prodotto che sulla carta avrebbe dovuto sbaragliare totalmente la concorrenza per trasformare questo titolo in un Must Have per tutti i proprietari della Xbox One.

Dal lato grafico il gioco riesce a sorprendere con una qualità grafica dei circuiti, degli sfondi ed una gestione particellare del ciclo diurno notturno davvero spettacolare, così come la realizzazione degli eventi meteo che hanno saputo realmente stupirci spostando verso l'infinito il nostro indice di gradimento di questo titolo. D'altro canto non possiamo però esimerci dal constatare come, per alcuni veicoli, la cura del dettaglio abbia livelli maniacali quanto e oltre Forza Motorsport 5 mentre per altri siano presenti delle lacune particolarmente evidenti.

A titolo di esempio, il layout grafico di un Kart a confronto con una mitsubishi lancer per arrivare a un prototipo ha delle differenze di dettaglio grafico esageratamente evidenti.

Se da un lato il prototipo richiede un attento lavoro di resa virtuale, non si capisce come un Kart abbia una resa visiva e un livello di dettaglio e animazioni veramente scarno pur essendo il modello poligonale più semplice da raffinare.

Tra i vari settaggi disponibili oltre al consumo carburante e la pianificazione della fermata ai box, è presente la possibilità, in caso di incidente, di far ripercuotere i danni strutturali sulla resa del veicolo (e se parliamo di simulazione è un requisito indispensabile direi....Nd Isg71) anche se questo parametro posizionato sul reale, non ha saputo essere sempre convincente: ci è capitato infatti di andare a schiantarci di fiancata ad una velocità di 140 km orari sul guard rail e tuttavia non un mozzo od un pneumatico hanno subito danni nè tantomeno il veicolo tendeva in rettilineo verso la parte danneggiata.
Questo esempio non significa che la simulazione venga inficiata in toto, per valutare questo aspetto abbiamo testato diversi veicoli su vari circuiti e possiamo affermare che, la guidabilità, la resa grafica e i settaggi pad variano da mezzo a mezzo e il tutto deve essere esponenzialmente moltiplicato per categorie e circuiti. Infatti un Pad settato verso una buona sensibilià nei circuiti ricchi di curve non vi garantirà la stessa resa nei circuiti ricchi di rettilinei e misto stretto.

IN CONCLUSIONE

Project CARS si rivela essere un prodotto a due facce
, da un lato rappresenta il paradiso dell'appassionato, della simulazione e dei giocatori che in genere prediligono il lato tattico e manageriale di un gioco.
Gli utenti che invece, tendono all'immediatezza e a una fruibilità costante di un gioco troverrano in Project CARS il loro terno al lotto, deliziandosi magari con un determinato veicolo e dannandosi per il corretto settaggio dell'auto e del Pad per altri 20 mezzi.

Concludiamo con una raccomandazione riguardante la sezione Multiplayer, ricordando che essendo votato verso la simulazione, il vostro alter ego virtuale potrà sfidarsi in gare online e competizioni con gli avatar dei vostri amici. Onde evitare un'ardua scalata delle classifiche, vi invitiamo ad un comportamento orientato alla correttezza della guida in quanto un comportamento scorretto penalizzerà pesantemente i vostri personal score. Per il resto le competizioni potranno essere decise in ogni minimo dettaglio, come per la globalità dell'esperienza, sia da parte vostra sia da parte dei vostri amici, in alternativa vi basterà entrare nella prima gara disponibile.

Capita, anche se raramente, di dover rimettere la scelta dell'acquisto alla coscenza del lettore che segue in modo razionale il proprio giocato e la propria passione, Project CARS va quindi valutato in fase di acquisto con la consapevolezza di poter essere una gioia o una delusione.

Project CARS si pone sul mercato console come simulazione automobilistica allo stato puro.
Questa scelta, pur comprendendo alti e bassi, si è rivelata a nostro avviso non del tutto azzeccata per tutta una serie di valutazioni che, oltre a rapportarlo con altri titoli presenti sul mercato console, non gli consente di spiccare il volo che i programmatori avrebbero voluto.
Questo gioco soffre della sindrome del "solo che", infatti possiamo tranquillamente affermare che si parla di una simulazione solo che non è curata in ogni dettaglio, potrebbe essere l'antagonista di Forza Motorsport 5 ma offre tutto e subito giocandosi una buona fetta dell'utenza, mentre potrebbe puntare sull'immediatezza solo che ogni mezzo su circuito richiede un proprio settaggio.
Riteniamo questo gioco molto buono, ma non può con questi fondamentali accaparrarsi il mercato console a causa di un'anima multipiattaforma non orientata e votata per il mercato videoludico delle console.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE