Recensione PlayStation 4
<<
<<
Titolo del gioco:
Deemo Reborn
Anno di uscita:
2019
Genere:
Rhythm game
Sviluppatore:
Rayark Games
Produttore:
Unties
Distributore:
PlayStation Store
Multiplayer:
Assente
Localizzazione:
No
Requisiti minimi:
Console della famiglia PlayStation 4 (PS4, PS4 Pro) - una connessione a banda larga - un account PlayStation Network - 8.07 GB di spazio libero su disco - Prezzo: €39.99
Box
  • La selezione della traccia musicale.
  • Il gioco a difficoltà massima.
  • Il pianoforte di Deemo.
  • Alice.
  • L'esplorazione in modalità VR.
  • L'originale Deemo.
Redattore: Andrea 'Vylbrand' Di Lucchio
Pubblicato il: 16-12-2019
Mai andarsene senza dire addio. Dopo il successo per mobile Deemo rinasce in un nuovo titolo, attraverso la collaborazione tra Rayark Games e Unties, portando questa meravigliosa fiaba sulle nostre PS4 e incantandoci nuovamente con il suo pianoforte.
Una storia semplice e toccante, Alice e Deemo

Una finestra si apre e una piccola bambina entra in un mondo magico e fatato. Alice è il suo nome, caduta dal cielo viene accolta da una strana figura, un essere a prima vista inquietante, con la pelle completamente nera, i tratti longilinei e gli occhi bianchi, che si rivela essere un’anima gentile: sarà proprio lui che aiuterà Alice a risalire verso la finestra da cui è arrivata e a tornare nel suo mondo. Il suo nome è Deemo, il misterioso pianista. Alla figura di Alice e Deemo poi si affiancherà la ragazza mascherata, una figura incappucciata con un vestito ed una maschera bianca che le copre il volto che si rivelerà sin da subito essere ostile nei confronti della ragazza per un motivo a noi sconosciuto.


Nel momento in cui Alice inizierà ad esplorare questo nuovo mondo un piccolo albero sboccerà sul pianoforte; attraverso la sua musica Deemo lo farà crescere fino ad arrivare in cima dove si trova la finestra alta in cielo permettendo alla ragazza di tornare a casa. La storia non particolarmente originale è tuttavia molto ispirata ed incantevole, avendo di fondo una grande morale legata alla famiglia molto commovente.

Gameplay “rinato” tramite il VR e il gamepad

Il gameplay presenta 2 modalità diverse: da una parte la “Music mode” ovvero la classica modalità di gioco presente sul titolo originale, dall’altra l’esplorazione. Il gioco dal 2D dei dispositivi mobile è stato ricreato da zero in 3D: vestendo i panni della piccola Alice potremo esplorare i vari ambienti cercando di risolvere le decine di enigmi necessari all’ottenimento di nuovi spartiti, enigmi mai troppo semplici che richiederanno un pizzico di ingegno e ragionamento per essere risolti, senza mai risultare troppo semplici oppure complessi.


Deemo nasce originariamente come “rhythm game” per mobile, ovvero un titolo di tipo musicale nel quale lo scopo è quello di premere a tempo le note per aumentare il punteggio. In Deemo lo schema è molto semplice: le note scorrono dall’alto e vanno “suonate” con precisione a tempo quando giungeranno sulla linea di fondo. In questo remake il gameplay ha 2 varianti, la prima la “TV mode” si gioca con gamepad alla mano la seconda invece attraverso la “VR mode”, permetterà di suonare le canzoni con le “proprie mani” gestendo i controller con i motion controller del visore VR di PS4 simulando le mani sul pianoforte e premendo le note nella giusta posizione a tempo.

Il gameplay della TV mode risulta essere più complesso del VR: le note, infatti, si dividono in zone mappate sul gamepad tramite i tasti sinistra su/L1 destra quadrato triangolo/R1 e cerchio mentre con l’ausilio delle levette analogiche si gestiscono le note continue. I comandi rispondono bene e sono molto precisi, ma serve pratica e dimestichezza, che si ottengono dopo un certo numero di partite; tramite personalizzazione sarà possibile variare la velocità e la comparsa delle note optando per una configurazione più adeguata al proprio stile di gioco


Esiste una grande varietà di generi nelle musiche, dalle classiche al pianoforte fino al jazz oppure orchestrate con violini e strumenti a fiato, e ogni traccia viene divisa in 3 difficoltà (facile normale e difficile), con un indicatore che sta ad identificare il livello di difficoltà che va da 1 a 10.


Il titolo offre circa una ventina di ore per completare la storia, ma per i giocatori più accaniti ci vorranno ore e ore per completare le varie tracce a difficoltà elevata cercando di ottenere un full combo o un “all charming” (tutte le note perfette). Per quanto la grafica non riesca a brillare, i modelli sono ben fatti mentre l’ambientazione con un’atmosfera magica e misteriosa è stata meravigliosamente riproposta con una grafica ricreata da zero in stile cartoon. Le animazioni della protagonista per quanto lente e in certe situazioni legnose e che potevano richiedere un pizzico di cura in più, sono in totale ben realizzate e piacevoli da osservare insieme alla colonna sonora che in questo gioco come nell’originale fa da padrona assoluta.

Per quanto riguarda la sezione trofei il titolo propone ben 46 trofei divisi in 38 di Bronzo, 4 d’Argento, 3 d’Oro e il consueto Platino, molti relativi al completamento della storia principale si potranno ottenere facilmente ma puntare al platino sarà impresa davvero ardua in quanto è richiesta un'alta capacità con l’ottenimento degli “all charming” (completamento di una traccia al 100%) e il completamento di tutte le tracce a livello Hard con punteggio superiore all’80%, risultando essere un ottima sfida per i giocatori più accaniti.

Modus Operandi:

Abbiamo testato la riedizione in 3D del titolo originale, grazie ad un codice gentilmente datoci Rayark Games.

A differenza del titolo originale questo Reborn offre molto e, nonostante l’alta difficoltà, il titolo è facilmente giocabile da chiunque rendendolo un ottimo pretesto sia per chi vuole avvicinarsi al genere sia per chi ha già esperienza e cerca una nuova sfida, con un sostanzioso numero di canzoni del precedente deemo e una raccolta con nuove tracce esclusive di questo titolo. Bella anche la storia semplice ma mai banale che ci ha coinvolto emotivamente.
  • Una nuova modalità esplorativa…
  • Una colonna sonora meravigliosa e memorabile
  • Un nuovo gameplay “rinato”
  • Funzionale ed appagante
  • … non troppo longeva
  • La presenza di molteplici DLC aggiuntivi oltre al costo di base del titolo
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA
LONGEVITA'
GLOBALE